01 - Consulenti Digitali

Vai ai contenuti
Le cartelle di Equitalia? Ora si pagano via Spid.

FISCO ONLINE
Tramite il Sistema pubblico di identità digitale è possibile anche richiedere una rateizzazione fino a 50mila euro e sospendere la riscossione. Resta in funzione l'accesso con i pin Agenzia delle Entrate o Inps oppure con Carta nazionale dei servizi.
Le cartelle esattoriali? Ora si pagano tramite Spid. Con il Sistema pubblico di identità digitale è possibile pagare, richiedere una rateizzazione fino a 50 mila euro e sospendere la riscossione. Equitalia, infatti, è tra le prime società pubbliche ad aderire alla "rivoluzione digitale" che consente ai cittadini di utilizzare credenziali (nome utente, password e codice temporaneo inviato all'utente) valide per accedere ai servizi online della pubblica amministrazione e di tutti gli enti privati aderenti al nuovo sistema telematico. I cittadini possono comunque continuare ad accedere all'Area riservata del sito www.gruppoequitalia.it secondo le modalità già previste, ovvero con le stesse credenziali valide per utilizzare i servizi online dell'Agenzia delle entrate o dell'Inps. E' possibile accedere anche utilizzando una smartcard che risponde ai requisiti della Carta nazionale dei servizi (Cns).
Cresce dunque il numero di servizi della PA accessibili tramite Spid. Sono infatti 237 i servizi delle pubbliche amministrazioni centrali e locali oggi accessibili con le credenziali. Tra le amministrazioni centrali, Inps offre l’accesso a tutti servizi online rivolti ai cittadini; Inail garantisce invece l’accesso Spid sia ai servizi dedicati ai lavoratori, sia a quelli per i quali è richiesto un profilo specifico (come quelli per i datori di lavoro, i Caf, i consulenti o i medici).
Dal 15 aprile 2016 inoltre, Agenzia delle Entrate ha reso disponibile online la dichiarazione dei redditi precompilata per l’anno 2016, accessibile tramite credenziali Spid.
"Con Spid - fanno sapere dall'Agenzia per l'Italia digitale - è possibile utilizzare anche una serie di servizi messi a disposizione dalle prime amministrazioni locali aderenti. Il comune di Venezia garantisce l’accesso a servizi scolastici quali la consultazione delle rette o l’iscrizione al servizio di trasporto, mentre la Regione Friuli Venezia Giulia consente l’accesso a servizi in ambito socio sanitario, anagrafico e professionale come il cambio del medico curante o la consultazione della propria scheda anagrafica sanitaria e della scheda anagrafica professionale".
La regione Toscana permette di inviare e ricevere documenti ed effettuare pagamenti online verso la pubblica amministrazione; l’Emilia Romagna ha integrato invece il nuovo sistema di log in con il sistema regionale che permette di effettuare transazioni online e – al pari del comune di Venezia – consente l’accesso alla rete wifi regionale.
Sul sito spid.gov.it è possibile visualizzare la roadmap di implementazione di Spid da parte delle amministrazioni pilota da qui a giugno 2016; entro la fine del 2017 tutte le pubbliche amministrazioni aderiranno al sistema offrendo ai cittadini l'accesso all'insieme completo dei servizi online.
Fonte corrierecomunicazioni.it 02 Maggio 2016
Torna ai contenuti