Consulenti Digitali

Vai ai contenuti
n 04 del 15 Settembre 2020
La Newsletter
Garante 2019
Marzo 2019
Garante Privacy: forte incremento delle sanzioni
ALCUNE BUONE RAGIONI PER COLLABORARE
Perché scegliere i Consulenti Digitali?
  • Offriamo consulenza dal 2003,
  • Siamo distribuiti sul territorio e lavoriamo in Cloud,
  • Siamo certificati Qualità,
  • Utilizziamo software certificati,
  • I nostri partner sono leader del mercato,
  • Adottiamo metodologie consolidate e certificate,
  • Nessuna sorpresa! canoni annuali fissi e spalmati nel periodo,
  • Nessun obbligo di rinnovo (ma nessuno ci lascia…).
  • Tariffe nella media del mercato,

Troppo bello, vieni a trovarci su...CLICCA IL LOGO!

Questionario Privacy e COVID-19
Vi accompagniamo alla "buona" Privacy
Secondo Alcuni: ci sono molte cose da fare, il tempo scarseggia e… la papera non galleggia.
Secondo Altri: gli inadempienti potrebbero essere condannati all’inferno… ($anzioni elevati$$ime!).
Secondo noi: adempiere è semplice se si utilizza un Buon Metodo con esperti Accompagnatori.

Abbiamo adottato un Metodo efficace (DPMS 44001:21016) e un software certificato che vi accompagneranno alla conformità al Regolamento Europeo evitando sanzioni comunque “doloro$e” dovute al mancato rispetto delle Norme.
Il Metodo adottato è stato elaborato da: UNIQUALITY, FEDERMANAGER e CODACONS
LE NEWS DI CONSULENTI DIGITALI
Outsourcing, ecco l'identikit di titolare e responsabile del trattamento
Outsourcing in linea con la privacy. Quando un'azienda esternalizza i propri servizi deve preoccuparsi di stendere un contratto con il fornitore esterno, che diventa un responsabile del trattamento. Attenzione, stendere il contratto è obbligatorio, altrimenti si rischia fino a 10 milioni di euro di sanzione pecuniaria amministrativa (articolo 83 regolamento Ue sulla privacy n. 2016/679 o Gdpr). Insomma quando i dati personali passano da un'impresa a un'altra o a un ente pubblico occorre capire se si può fare e a che condizione si può fare.
Pubblicato da mgt - 5/10/2020
Inps bacchettato sulla privacy, il tribunale di Roma conferma la multa del Garante
Inps condannato per il software automatizzato usato nei controlli delle assenze per malattie. Il tribunale di Roma (sentenza 4609/2020) ha confermato l'ingiunzione 492 del 29/11/2018, con cui il Garante privacy aveva ordinato all'ente il pagamento di 40 mila euro. Il giudice ha respinto l'opposizione dell'Inps contro l'ingiunzione, accertando che lo stesso ha commesso plurime violazioni del Codice della privacy.
Pubblicato da mgt - 16/9/2020
Non c'è la tenuità del fatto per chi diffama sui social
Chi crea profili falsi sui social network, nella fattispecie Facebook e Linkedin, e si rende quindi responsabile dei reati di diffamazione aggravata e sostituzione di persona, non può avvalersi della disposizione codicistica relativa alla particolare tenuità del fatto. E’ quanto stabilito da una recente sentenza della Corte Suprema di Cassazione in materia di Reati informatici.
Pubblicato da mgt - 16/9/2020
Covid-19 e privacy: è legale rendere nota l’identità del contagiato?
Covid-19 e diritto alla riservatezza del contagiato: si può sempre contare sulla privacy o talvolta le autorità o la stampa possono fare nome e cognome?
Pubblicato da mgt - 16/9/2020
Data Breach al Concorsone, scuse del Formez
Tirocinanti campani, visibili a chiunque i dati sensibili, anche gli Iban. Il gestore della procedura ammette l'incidente e denuncia tutto al Garante della privacy
Pubblicato da mgt - 16/9/2020
Cloud computing: attenzione agli aspetti privacy!
Come è noto il cloud computing è un sistema di implementazione di risorse basato su “nuvole” di computer realizzate e gestite da grossi providers, in grado di fornire ai clients finali servizi di storage e processoring.
Pubblicato da mgt - 16/9/2020
Cyber-attacchi +250% nel secondo trimestre del 2020
Rispetto ai primi tre mesi del 2020, nel secondo trimestre dell'anno, in piena emergenza Covid- 19, si è registrato un incremento degli attacchi informatici di oltre il 250%. Da gennaio a marzo erano stati 47, da aprile a giugno sono stati 171, ben 86 solo a giugno, il mese in cui è stato rilevato il numero maggiore di attacchi, incidenti e violazioni della privacy a danno di aziende, privati e pubblica amministrazione. È quanto emerge dai dati contenuti nella seconda edizione del report elaborato dall'Osservatorio sulla cybersecurity di Exprivia.
Pubblicato da mgt - 4/9/2020

Resta informato, ricevi le notizie direttamente sul tuo dispositivo mobile.
REGOLAMENTO (UE) 2016/679 sulla Protezione dei Dati personali.
Visita il sito dedicato alla Privacy Europea

Torna ai contenuti